Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Mantova
HOME > Registro imprese > PEC - Domicilio digitale

Consulta il Supporto specialistico Registro Imprese di Mantova


Logo Registro Imprese
Ricerca nel Registro


Sportello virtuale- Servizi on line

Elenco siti tematici

vai al sito promoimpresa borsa merci

vai al sito


Comunicazione indirizzo PEC: obbligo di regolarizzazione entro il 1° ottobre 2020

Per portare a termine il processo di digitalizzazione nei rapporti tra le PA, le imprese e i professionisti, l’art. 37 del D.L. 76/2020 (convertito in legge n. 120/2020) - Decreto Semplificazioni - prevede l'obbligo per tutte le imprese di comunicare telematicamente al Registro delle Imprese il proprio indirizzo PEC (ora domicilio digitale)  entro il 1° ottobre 2020.  

Pertanto, tutte le imprese già iscritte al Registro delle Imprese, costituite in forma societaria o individuale (queste ultime attive e non soggette a procedura concorsuale), che non avessero ancora comunicato il proprio indirizzo PEC o il cui domicilio digitale sia stato cancellato d’ufficio, ovvero che il proprio domicilio digitale, seppur dichiarato, sia inattivo, dovranno regolarizzare la propria posizione con la pratica telematica in esenzione dall’imposta di bollo e dai diritti di segreteria. 

Ricordiamo che la mancata presentazione della pratica telematica comporterà l'assegnazione d'ufficio di un nuovo e diverso domicilio digitale e l'accertamento di sanzioni pecuniarie maggiorate a carico del titolare dell'impresa individuale e di ciascun amministratore di società.
In particolare la disposizione prevede che, contestualmente all'assegnazione d'ufficio del domicilio digitale, si proceda all'irrogazione della sanzione per le imprese individuali come indicata dall’art. 2194 del codice civile, in misura triplicata, cioè da 30,00 a 1.548,00 euro (importo accertato in misura ridotta pari ad euro 60,00)  e per le società  come prevista dall'art. 2630 del codice civile, in misura raddoppiata, cioè da 206,00 a 2.064,00 euro (importo accertato in misura ridotta pari ad euro 412,00).

Inoltre, sempre secondo quanto stabilito all’articolo 37, le imprese individuali e le società hanno l’obbligo di comunicare al Registro delle imprese il proprio “domicilio digitale” al momento dell’iscrizione. L’Ufficio del registro che riceve una domanda di iscrizione priva dell’indicazione del domicilio digitale, sospenderà la pratica in attesa che essa sia integrata con l’informazione richiesta.

Come comunicare la PEC

L'adempimento avviene in forma immediata, semplificata e gratuita (nella distinta RI va indicata l'esenzione dall'imposta di bollo e nell'applet di spedizione i diritti di segreteria pari a 0).

E' necessaria la firma digitale:

  • del titolare;
  • di un amministratore;
  • del professionista incaricato:
    soggetto iscritto nella sezione A dell'Albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili indicando nelle Note della pratica la dichiarazione d'incarico disponibile nell'apposita scheda di SARI

    oppure

    iscritto nell'Ordine dei consulenti del lavoro inserendo nelle Note la seguente dichiarazione:“Il sottoscritto Dott./Rag. …………………………………………………, nato a ……………………………. il ……..…, consapevole delle responsabilità penali previste in caso di falsa dichiarazione, ai sensi degli artt. 46 e 47 D.P.R. n. 445/2000, dichiara: 1) di essere iscritto all'Ordine dei consulenti del lavoro della Provincia di ……………………………………… ; 2) di essere stato incaricato alla trasmissione dall’obbligato tenuto al presente adempimento”. 

Non vengono accettate le pratiche telematiche trasmesse con il modello ministeriale di procura.

Gli applicativi da usare sono il nuovo DIRE, oppure Pratica semplice (servizio dedicato per il titolare dell'impresa individuale e per il legale rappresentante di società muniti di firma digitale).

Si avvisa che nel caso di adempimento multiplo (es. comunicazione dell'indirizzo PEC + variazione della sede dell'impresa) occorre utilizzare ComunicaStarweb o altri applicativi perchè il nuovo DIRE non gestisce al momento queste pratiche; infine si ricorda che la domanda è soggetta all'imposta di bollo e ai diritti di segreteria previsti per l'adempimento diverso da quello della comunicazione della PEC.

Per maggiori informazioni relative alle modalità di presentazione consultare le schede della piattaforma SARI Supporto Specialistico Registro Imprese

Come verificare l’iscrizione nel Registro del proprio indirizzo PEC - domicilio digitale

  • consulta una visura aggiornata della tua impresa, scaricandola gratuitamente dal cassetto digitale dell'imprenditore (accesso con SPID o CNS)  
  • ricerca l'impresa sul sito registroimprese.it (ricercare con nome impresa) e premi sul tasto “mostra” in corrispondenza del campo PEC

NOTA BENE - Validità dell'indirizzo PEC: se la PEC risulta già iscritta, l'impresa verifica che il domicilio digitale sia valido e attivo con il proprio gestore di posta elettronica. Nel caso l'impresa rinnovi lo stesso indirizzo elettronico, già dichiarato al Registro Imprese, NON deve inviare la pratica telematica.