Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Camera di Commercio di Mantova
HOME > Commercio estero > Certificati per l'estero e visti per l'estero > Certificato d'origine

Consulta il Supporto specialistico Registro Imprese di Mantova


Logo Registro Imprese
Ricerca nel Registro


pagoPA pagamento spontaneo

Sportello virtuale- Servizi on line

depositi e istanze registro imprese scopri le novità

Elenco siti tematici

vai al sito promoimpresa borsa merci

vai al sito


I certificati d'origine si stampano in azienda

Dal 19 ottobre 2020 i certificati d'origine, fatture e visti per l'estero si stampano in azienda. Prenota una consulenza con i nostri funzionari o iscriviti direttamente al servizio seguendo le istruzioni

E' possibile anche scaricare la presentazione che riepiloga le fasi di inserimento della pratica telematica con stampa in azienda. 

Per informazioni e per l'invio del documento:

lombardiapoint.mantova@mn.camcom.it

Turchia, semplificate le procedure certificative per l' esportazione

A partire dal 1° gennaio 2021 la Turchia consente l'importazione di merci provenienti dai paesi dell'Unione con la sola presentazione del certificato di circolazione A.TR., come risulta dall'avviso dell'Agenzia delle Dogane del 22 dicembre 2020.

Il certificato d'origine, quindi, non dovrebbe più essere richiesto, anche se le dogane turche possono richiedere una prova dell'origine in caso di dubbio.

Certificato d'origine

Il certificato d'origine attesta l'origine delle merci esportate al di fuori dell'Unione Europea. Viene normalmente richiesto dalle autorità preposte allo sdoganamento delle merci a destino, in risposta a specifiche esigenze normative.

Il certificato non può essere utilizzato per ottenere agevolazioni tariffarie. 

  • Se la merce è di origine comunitaria va fornita, in fase di compilazione della richiesta on line, l'indicazione del fabbricante e la sede dello stabilimento di produzione, ovvero sede e stabilimento dove la merce ha subito l'ultima trasformazione sostanziale.
  • Se la merce è di origine extra comunitaria è necessario allegare alla domanda telematica ogni documento atto ad attestare l'origine della merce: bolle doganali, certificati di origine emessi da altri organismi, certificazioni di qualità, polizze di carico, dichiarazioni presentate alla dogana ove sia espressamente dichiarata l'origine. 

Come inviare la domanda

I certificati d'origine e visti su documenti per l'estero possono essere richiesti esclusivamente on line tramite la piattaforma Cert'O. Leggi come registrarti alla piattaforma

Il certificato di origine on line è disponibile a partire dal secondo giorno successivo all'invio telematico per pratiche semplici mono-origine. In caso di origine multipla e presenza di numerosi giustificativi allegati da controllare, i tempi di rilascio sono a discrezione dell'ufficio.

I giustificativi sono da ritenere validi solo se rilasciati da non più di 2 anni dall'inserimento della pratica telematica.

Ogni caso dubbio o in caso di particolari esigenze commerciali gli interessati possono rivolgersi direttamente all'ufficio.

A partire dal 19 ottobre 2020 i certificati si stampano in azienda e oggi anche su foglio bianco che permette l'invio del documento a destinazione in modalità digitale.
In caso di difficoltà o problemi a destinazione é possibile concordare la stampa tradizionale in ufficio e ritirare i documenti richiesti, personalmente o tramite propri incaricati, nelle mattine di martedì e giovedì dalle ore 9.00 alle 12.00.

Ausili alla compilazione

Tempi 
Le domande vengono evase in ordine di arrivo e normalmente il rilascio avviene in 2-3 giorni, compatibilmente con le tempistiche del sistema telematico in uso (Cert'O) e la quantità di domande pervenute.

Costi

  • Ogni originale o copia vistata: 5,00 Euro;
  • Visti su fatture/listini prezzi/dichiarazioni varie rilasciate dall'azienda o altri Enti: 3,00 Euro;
  • Visto di legalizzazione (ex UPICA richiesto da Autorità doganali estere, in particolare Paesi Arabi): 3,00 Euro.

Come effettuare il pagamento

Il pagamento va effettuato tramite la piattaforma Telemacopay dopo aver inserito la richiesta in Cert'O

Norme di riferimento

  • Regolamento CEE 12.10.1992, n. 2913/92 - Regolamento del Consiglio che istituisce un codice doganale comunitario.
  • Regolamento CEE 2.7.1993, n. 2454/93 - Regolamento della Commissione che fissa talune disposizioni d'applicazione del regolamento (CEE) n. 2913/92 del Consiglio che istituisce il codice doganale comunitario.
  • Decreto del Presidente della Repubblica 28.12.2000, n. 445 - Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa. (Testo A).

Dove andare

UFFICIO COMMERCIO ESTERO

Sportello Estero
Via P.F. Calvi, 28 - piano terra
Tel. 0376 234374
Fax 0376 234234

Richiesta di informazioni

ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO (solo per ritiro documenti precaricati on line):
martedì e giovedì dalle 9:00 alle 12:00


Ti è stata utile questa pagina?

Molto!AbbastanzaPer nulla